Home > Tutti i modelli > 3 orizzonti

3 orizzonti

> Esplorare e riflettere insieme

I 3 orizzonti, come definiti da Geoffrey Moore, corrispondono a 3 questioni strategiche chiave che le aziende devono affrontare.

Nell’immediato, le aziende lottano quotidianamente nei loro mercati per evitare che il declino arrivi troppo presto.

Poi, guardando avanti di qualche anno, devono trovare i mezzi per accedere a nuovi mercati. A tal fine, devono investire nei propri punti di forza per generare le entrate di domani.

Infine, devono affrontare il rischio di interruzione della propria offerta a lungo termine. Devono in pratica reinventarsi e immaginare un futuro diverso.

Questi sono i 3 orizzonti sui quali il team deve lavorare per cercare insieme soluzioni strategiche per oggi e domani

Prerequisiti

Il team deve conoscere bene la strategia, il marketing e la dimensione tecnica dell’offerta dell’azienda. I profili tecnici di ricerca e sviluppo e/o produzione sono qui assolutamente necessari per immaginare in modo realistico e ambizioso le soluzioni tecniche del futuro, in particolare per l’Orizzonte 3. Può anche essere utile integrare questa visione tecnica con esperti esterni all’azienda in modo da allargare il più possibile gli orizzonti!

Prepara una attività Lavagna in modalità a turni, con 3 categorie di innovazione:

Orizzonte 1: Difesa, Orizzonte 2: Estensione, Orizzonte 3: Innovazione radicale
La durata dell’attività può essere adattata in base al numero di partecipanti (tra 30 minuti e 1 ora).

Impostazioni attività Lavagna

  • Activity format: Round by round
  • Vote: in Points
  • Time management: Timer (30-60 min)
  • Categories: 3 activity categories

Corso di azione

1

Presentazione

Spiega lo scopo della riunione: oggi lavorerete insieme per definire gli assi di sviluppo strategico dell’azienda. Presenta l’attività e il significato delle 3 categorie:

  • Orizzonte 1: difesa dell’offerta attuale

Qui l’obiettivo è difendere al meglio i mercati dell’azienda. Per farlo, è necessario rinnovare continuamente parte dell’offerta innovando in modo incrementale. Questi investimenti devono tenere conto dei limiti imposti dal flusso di cassa disponibile. Per esempio, un ristorante potrebbe investire in nuove attrezzature e quindi diversificare la sua offerta, magari acquistando un forno per pizze. L’orizzonte 1 è generalmente a 1 anno.

  • Orizzonte 2: estensione dell’offerta attuale a nuovi mercati emergenti

Nell’Orizzonte 2, è necessario cercare nuovi mercati emergenti che siano compatibili, con qualche adattamento, all’offerta attuale. Questi assi strategici genereranno un flusso di cassa futuro che permetterà un ritorno sugli investimenti a medio termine. Il nostro ristorante può scegliere di ampliare la sua offerta entrando nel mercato della consegna a domicilio. Per farlo, dovrà trovare dei partner e adattare le sue operazioni. L’Orizzonte 2 è generalmente a 2 o 3 anni.

  • Orizzonte 3: innovazione radicale per l’offerta futura

L’Orizzonte 3 è l’orizzonte della disruption, l’innovazione dirompente. Corrisponde al momento in cui l’offerta tradizionale del settore viene scossa da una nuova proposta di valore. Il potenziale di crescita e il flusso di cassa sono molto alti, ma incerti e ciò rende precario in questa fase il calcolo del ritorno sull’investimento. La nostra attività di ristorazione potrebbe alla fine essere parzialmente sostituita da potenti robot da cucina, eventualmente umanoidi e dotati di intelligenza artificiale, capaci di riprodurre in piena autonomia le ricette dei migliori chef. L’Orizzonte 3 si situa generalmente tra i 5 e i 10 anni.

L’interesse a definire questi 3 orizzonti in modo prospettico risiede principalmente nella preparazione. È ora che dovete prepararvi per gli Orizzonti 2 e anche 3, stabilendo partnership, sperimentando cose nuove, per essere pronti il giorno in cui sarà necessario.

Non esitare a fornire esempi tratti da settori di attività diversi dal vostro per consentire a tutti i partecipanti di comprendere appieno i 3 orizzonti del modello.

2

Esplorazione

I partecipanti lavorano individualmente e in silenzio durante la fase di esplorazione, annotando le proprie idee nel blocco note Beekast. È importante procedere in silenzio in modo che il gruppo non possa influenzarsi a vicenda.

3

Discussione

Uno alla volta a turno, i partecipanti spostano le loro idee dal blocco note alla Lavagna, prendendosi qualche secondo per spiegare ciascuna di esse.

Qui è importante assicurarsi che ogni idea sia assegnata alla casella giusta. In particolare, l’Orizzonte 3 è riservato alle innovazioni dirompenti e non ai semplici adattamenti di ciò che già esiste. Puoi creare gruppi man mano che vai avanti per mettere insieme le le idee uguali o simili. Puoi anche usare i marcatori colorati.

4

Selezione

La sessione di raccolta delle idee termina quando tutti hanno avuto la possibilità di esprimersi. Se le idee da discutere sono molte, si consiglia il voto a punti, chiedendo ai partecipanti di assegnare dei punti ad almeno un’idea per Orizzonte:

  • Passate direttamente alla sessione di voto nella Lavagna Beekast. Ricorda ai partecipanti che hanno solo pochi punti da poter assegnare e che devono usarli per dare priorità a ciò che davvero considerano importante.
5

Sintesi

Una volta terminata la sessione di voto o completata la scelta manuale, identifica le idee più popolari (massimo da 1 a 3 per orizzonte) in modo da poter impostare un piano d’azione per attuarle.

Puoi creare le azioni a partire dalle idee sulla Lavagna o direttamente nello spazio di discussione per ritrovarle nel report del meeting.

Suggerimenti e varianti

L’ideale sarebbe iniziare con un’attività rompighiaccio per far scogliere i partecipanti.

Utile è anche l’analisi SWOT, che può essere condotta in anticipo per tenere conto del contesto prima di definire la nuova strategia.

Se le idee innovative da considerare continuano a essere molte anche dopo la selezione tramite voto, può essere utile ricorrere alla matrice di Impatto-Fattibilità per assegnare in modo razionale la priorità alle idee migliori. Tuttavia, è consigliabile farlo per singolo orizzonte, poiché le idee dell’Orizzonte 3 saranno quasi sempre molto meno fattibili di quelle dell’Orizzonte 1!

Se negli Orizzonti 2 e 3 emergono troppe poche idee, la matrice d’innovazione può essere utile per favorire il brainstorming.

Attività Lavagna
5 a 30 min
2 a 30
Intermedio
Esplorazione
Ridefinire il corso della propria strategia aziendale nell’era digitale.
I 3 orizzonti sono un strumento strategico eccellente per gestire il presente e garantire il futuro. Nell’era digitale, questo è ormai un MUST!